Per info +39 3926698695
mail: info@stresa-lagomaggiore.com

Santa Caterina del Sasso

L’eremitaggio di Santa Caterina del Sasso
A bordo di una delle nostre imbarcazioni attraverseremo il lago passando dalla sponda piemontese a quella lombarda, ed accompagnati da vedute panoramiche e ville lussureggianti giungeremo alla volta di uno dei posti più suggestivi del Lago Maggiore: l’eremo di Santa Caterina del Sasso. La necessaria alternativa di un breve percorso a piedi o dell’impiego di una barca per raggiungere questa località ha potuto conservare, almeno in parte, le prerogative di isolamento da cui ebbe origine, ed il carattere che un tempo doveva avere la selvaggia scogliera.

La Storia..
Secondo la leggenda l’eremo fu fondato agli inizi del XII secolo dal beato Alberto Besozzi. Durante una tempesta pregò S. Caterina per la sa salvezza ; miracolosamente risvegliatosi proprio su quello sperone di roccia, il beato decise di costruire una cappella dedicata alla Santa e si ritirò in eremitaggio proprio in quel posto.
Nel corso dei secoli l’eremo subì varie trasformazioni ed opere di ristrutturazione. Al giorno d’oggi si presenta agli occhi dei visitatori in tre nuclei ben distinti: il convento meridionale, il conventi ano e la chiesa, con il suo campanile duecentesco ed i preziosi e suggestivi affreschi.. Al suo interno è conservata anche la salma del beato.
Sbarcati ai piedi dell’alta e dirupata scogliera sulla quale sorge l’eremo, una scalinata vi condurrà alla visita di un logo dove arte, natura e spiritualità s’incontrano. Ammaliante è il panorama, che spazia dal basso Aronese lungo tutto l’Altovergante fino al Golfo Borromeo e le sue isole, incorniciati dai massicci alpini con le sue nevi perenni.